Progetto Iside – fecondazione assistita
Tecniche di PMA

Donazione gameti maschili: chi sono i donatori idonei?

10 ottobre 2014

Per gli aspiranti genitori non è ancora possibile praticare la fecondazione eterologa  in molte regioni italiane a causa dei problemi organizzativi e dei nodi cruciali da risolvere che persistono sulle donazioni.

All’azienda Ospedaliero Universitaria Careggi, viene spiegato che chi vuole donare dovrà eseguire un colloquio (anamnesi e storia personali e familiari) e una visita specialistica (ginecologica o andrologica); il donatore di gameti maschili, prima del colloquio e della visita specialistica andrologica, deve effettuare in prima istanza un esame del liquido seminale.

Se il donatore/donatrice di gameti risulterà potenzialmente idoneo, si procederà con gli esami sierologici/batteriologici ed infine con quelli genetici.

Cosa vuol dire “idoneo”?

Riportiamo  di seguito il DOCUMENTO SULLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLA  FECONDAZIONE ETEROLOGA A SEGUITO DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE NR. 162/2014

Molti centri di procreazione medica assistita  hanno rinviato la data di avvio della fecondazione eterologa poiché non si ritengono ancora pronti sul piano organizzativo e gestionale ad affrontare gli aspetti spinosi della donazione di gameti.