Progetto Iside – fecondazione assistita
Legislazione

Delibera della Regione Lombardia sulla Fecondazione Eterologa

12 settembre 2014

La delibera di oggi della giunta della regione Lombardia stabilisce nuove regole per il percorso di accesso alla fecondazione eterologa molte diverse da quelle approvate nelle altre regioni italiane.

Ecco i punti principali:

  • delle 6.000 coppie che in Lombardia attendono di eseguire la fecondazione assistita, avranno accesso all’eterologa soltanto le coppie che sono in possesso di un certificato medico di sterilità irreversibile. La condizione di infertilità e sterilità assoluta ed irreversibile è quindi la condicio sine qua non per poter ricorrere alla fecondazione eterologa.
  • Il servizio, per ora, sarà a carico degli assistiti, non rientrerà nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e il costo di ciascuna prestazione si aggirerà intorno ai 3000 euro. La regione attende che il ministero fissi i LEA così come ha già precedentemente fatto per la fecondazione omologa.
  • Verrà istituito un registro per le donazioni presso la Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano.
  • La fecondazione eterologa sarà praticata nei 60 centri di PMA autorizzati dalla Regione Lombardia e a partire dalla delibera sono sospesi i rilasci di nuove autorizzazioni.

Molte critiche sono state avanzate da alcuni fronti della società politica che accusa la giunta di aver fatto dei notevoli passi indietro sulla fecondazione eterologa, ponendo paletti ed ostacoli al suo accesso e rendendo di fatto il trattamento non gratuito e il diritto non più esercitabile.