Progetto Iside – fecondazione assistita
Sei un medico? ACCEDI REGISTRATI

Sono molti i fattori responsabili dell’infertilità. Scopriamo quali

Se dopo circa due anni di tentativi mirati la gravidanza non si avvia si può parlare, a ragione, d’infertilità. Oggi il numero di donne che faticano ad avere un figlio è in crescita. Molte le motivazioni: in primis l’età sempre più “avanzata”; gli stili di vita malsani, come l’abitudine al fumo di sigaretta, l’alcol e l’uso di droghe. Ma anche un lavoro usurante sia a livello fisico sia psicologico e fattori ambientali negativi come l’inquinamento sono tra le possibili cause d’infertilità.
Vanno poi considerate tutte le condizioni fisiologiche e/o patologiche che possono interessare sia la donna sia l’uomo e che determinano una condizione di difficile concepimento o d’infertilità.
Dal registro nazionale della PMA arriva una stima affidabile basata sui dati delle coppie che si rivolgono ai centri per la Procreazione medicalmente assistita: l’infertilità di coppia si aggira intorno al 15%. Più nello specifico, in base a vari studi, l’infertilità maschile si attesta al 35-40%, mentre l’infertilità femminile intorno al 35,5-45%. A questi due dati si somma un 13-15% di casi d’infertilità inspiegata.

Ecco, in sintesi, le principali cause d’infertilità:

– il fattore età;
– lo stress;
– gli sbalzi ormonali e la premenopausa;
– la sindrome dell’ovaio policistico.

Le alterazioni femminili all’origine dell’infertilità

C’è poi tutta una serie di anomalie dell’apparato riproduttivo femminile che possono alterare la fertilità:
1. malformazioni congenite dell’utero;
2. fibromi, tumori benigni;
3. occlusione di una o di entrambe le tube di Falloppio.

Se l’infertilità è dell’uomo

Anche l’uomo può essere responsabile dell’infertilità. Di norma quello che accade è l’incapacità degli spermatozoi di fecondare l’ovocita. Le cause risiedono principalmente nelle caratteristiche stesse degli spermatozoi, che possono essere poco mobili, in scarsa quantità o malformati. Oppure possono esserci infezioni all’apparato genitale, come la Chlamydia, la prima responsabile dell’infertilità maschile.

Centro Preferenze Privacy

GDPR

Cookie collegati al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questi cookies tengono traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allow_cookies],gdpr[consent_typ]

GOOGLE

Google.
Sono cookies necessari per conoscere le statistiche di accesso al sito e gestire la promozione commerciale sulla rete di ricerca e banner di google.

_ga: cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata se non cancellato manualmente: 26 mesi

_gid: cookie che consente di distinguere gli utenti
Durata se non cancellato manualmente: 24 ore

_gat: cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito. Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

_ga,_gid,_gat

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?