Le tecniche di PMA da utilizzare in caso di azoospermia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Quale tecnica utilizzare in caso di azoospermia (mancanza di spermatozoi)?

Per azoospermia si intende la mancanza di spermatozoi nel liquido seminale. Tale patologia può essere di due tipi: ostruttiva e non ostruttiva.

La patologia ostruttiva è determinata da un’assenza o un’ostruzione dei vasi deferenti, tubulini che portano gli spermatozoi dal testicolo all’esterno. Il caso, invece, non ostruttivo è causato da una mancata funzionalità dei testicoli. In entrambi i casi si può agire tentando di recuperare gli spermatozoi a livello del testicolo con due tecniche utilizzate nella maggior parte dei casi: la TESA e La TESE.

  • La TESA (testicular sperm aspiration) si esegue aspirando con un piccolo ago la zona superiore del testicolo alla ricerca di spermatozoi.
  • La TESE (testicular sperm extraction) si effettua aprendo il tessuto testicolare e ricercando gli spermatozoi nel tessuto stesso. La presenza di un biologo in grado d’individuare se ci sono spermatozoi, e quindi di congelarli, è fondamentale per la buona riuscita della procedura. Gli spermatozoi rinvenuti potranno, poi, essere utilizzati in tecniche di ICSI.

Dott. Fulvio Cappiello

Articoli correlati
Tecniche di PMA

Come funziona la stimolazione ovarica

Tecniche di PMA

Preservare la fertilità: le tecniche di crioconservazione...

Tecniche di PMA

Preservare la fertilità: le tecniche di crioconservazione...

Ricerca all’interno del sito