Fecondazione eterologa: via libera ma mancano i donatori di gameti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

La Commissione Sanità ha votato la risoluzione “in tema di procreazione assistita di tipo eterologo“. Sono state compiute due votazioni: una a maggioranza che ha bocciato il punto relativo all’avviamento di una campagna di sensibilizzazione sul valore della donazione.

La seconda, che ha visto l’approvazione all’unanimità dei seguenti punti:

– Integrazione del registro regionale dei donatori stilato dal Policlinico con quello nazionale

– Definizione dei requisiti e delle competenze degli esperti che comporranno il gruppo di lavoro incaricato di supervisionare l’operato dei centri di procreazione assistita;

– Emanazione di regole certe per la diagnosi pre-impianto.

A sette mesi dall’emanazione della sentenza della Corte Costituzionale del 9 Aprile 2014, la fecondazione eterologa non è ancora resa possibile a causa della mancanza di donatori di gameti femminili e maschili.

La donazione di gameti femminili è molto più complicata di quella maschile, infatti oltre ai normali controlli sulla salute, la donatrice deve sottoporsi ad una terapia ormonale di stimolazione dell’ovulazione e poi compiere un ricovero ospedaliero per permettere l’intervento chirurgico di prelievo ovocitario.

 

Articoli correlati
Procreazione

La stimolazione ormonale nella donna

Procreazione

Impianto dell’embrione in PMA: il punto di vista del biologo

Procreazione

PMA: il ruolo del biologo clinico

Ricerca all’interno del sito