Fecondazione assistita: gli esami da fare prima

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Per procedere con la fecondazione assistita la coppia  deve sottoporsi a una serie di test diagnostici

La coppia che ha le caratteristiche necessarie per accedere alla fecondazione assistita deve sottoporsi a una serie di esami prima di procedere. Per prima cosa si raccoglie la storia clinica individuale di entrambi i partner per verificare se in passato siano stati effettuati trattamenti che possano aver compromesso la fertilità (terapie antitumorali, alcol e fumo in quantità eccessive, stress, esposizione a sostanze tossiche). Si prendono poi informazioni sulla vita sessuale e su eventuali tecniche di fecondazione assistita già sperimentate.

I controlli necessari per la fecondazione assistita

Si inizia con gli esami di base e, per la donna, si eseguono controlli ormonali e test per valutare la riserva ovarica. Si testano l’ormone antimulleriano (Antimullerian Hormone, AMH) e l’inibina b per verificare i livelli di ormoni sessuali contenuti nel sangue e la scorta di ovociti. Si acquisiscono così informazioni sull’eventuale regolarità dell’ovulazione e sull’età biologica dell’ovaio.

L’uomo, invece, esegue lo spermiogramma (analizza la qualità degli spermatozoi: forma, numero e motilità) e la spermiocultura (esame colturale che evidenzia eventuali batteri o microrganismi patogeni contenuti nel liquido seminale).

Se queste indagini non bastano a determinare le cause di infertilità, si procede  con test più specifici. Al termine dell’iter diagnostico si pratica la tecnica di fecondazione assistita più idonea alla coppia.

 

Articoli correlati
Tecniche di PMA

Come funziona la stimolazione ovarica

Tecniche di PMA

Preservare la fertilità: le tecniche di crioconservazione...

Tecniche di PMA

Preservare la fertilità: le tecniche di crioconservazione...

Ricerca all’interno del sito