Progetto Iside – fecondazione assistita
Sei un medico? ACCEDI REGISTRATI

Si è svolto a Roma il 25 Ottobre il convegno di Bioetica  presso l’hotel Minerva “Di chi sono questi figli? Problematica della Procreazione Medicalmente Assistita”.

Il convegno, introdotto dal Prof. Avv. Antonio Binni,  Presidente della Gran Loggia d’Italia,  è stato  moderato dalla prof.ssa Luisella Battaglia e dal Dott. Andrea Romano e  ha visto la partecipazione di :

  • Filomena Gallo, Docente “Legislazione ed etica nelle biotecnologie in campo umano” Università di Teramo, Segretario Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica
  • Avv. Ivan Iurlo, Direttore del Dipartimento di Bietica dell’Univeristà  di Ryki a Varsavia
  • Giovanni Colpi, già Direttore dell’Unità di Andrologia, Ospedale San Paolo-Polo Universitario, Milano, Direttore Scientifico dell’ISES, Milano
  • Edoardo Boncinelli, Genetista, Docente Ordinario di Biologia, presso Istituto San Raffaele di Milano, già Direttore della SISSA, Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati
  • Francesco Timpano, Responsabile del Centro di Medicina della Riproduzione Ospedale San Filippo Neri, Roma
  • Giovanni Plotti, Primario di Ginecologia del San Filippo Neri di Roma “
  • Silvestro Dupré, già Ordinario di Chimica Biologica, I Facoltà di Medicina, Università La Sapienza, Roma
  • Massimo Frana, docente e scrittore

Link al Programma dettagliato del Convegno

Il convegno ha voluto promuovere un dibattito  sulle problematiche bioetiche connesse alla fecondazione assistita ed eterologa,  sulla divergenza di opinioni e di posizioni laiche e religiose,  determinate anche da una differente visione dell’uomo.  Il dialogo si è incentrato sulla gestione delle diverse forme di genitorialità e maternità, sulla disparità di vedute rispetto al diritto all’anonimato del donatore e al diritto del generato a conoscere le proprie origini ma soprattutto sulle temute derive eugenetiche delle tecniche di fecondazione assistita.  Si è discusso se sia lecito eticamente realizzare tutto ciò che è tecnicamente possibile realizzare, sui ritardi  dell’intervento del legislatore e di come appaia oggi essenziale dibattere ed accordarsi su ciò che si intende per “inizio” e “fine “ di una vita.

Il Prof. Giovanni Plotti, Primario di Ginecologia del San Filippo Neri di Roma, ribadisce che la Chiesa Cattolica è contraria a qualsiasi manipolazione sull’embrione, a qualsiasi decisione arbitraria sull’accettabilità o meno di un embrione e sul suo inserimento in utero. Gli embrioni congelati, per la Chiesa, rappresentano una “sospensione” di un progetto di vita, quelli che invece vengono scartati perché soprannumerari o perché ritenuti inidonei, costituiscono degli “aborti”.

Di tutt’altra opinione l’ala laica rappresentata dalla Prof.ssa Battaglia e dall’Avvocatessa Gallo, che da anni si battono per modificare le parti ritenute incostituzionali della Legge 40 e considerate lesive delle libertà personali.

 

 

 

Articoli Correlati

Centro Preferenze Privacy

GDPR

Cookie collegati al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questi cookies tengono traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allow_cookies],gdpr[consent_typ]

GOOGLE

Google.
Sono cookies necessari per conoscere le statistiche di accesso al sito e gestire la promozione commerciale sulla rete di ricerca e banner di google.

_ga: cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata se non cancellato manualmente: 26 mesi

_gid: cookie che consente di distinguere gli utenti
Durata se non cancellato manualmente: 24 ore

_gat: cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito. Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

_ga,_gid,_gat

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?