Fecondazione In Vitro Embryo Transfer: fattori di successo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Alcuni dati sulla Fecondazione In Vitro Embryo Transfer

 

Inizialmente la Fecondazione In Vitro Embryo Transfer (FIVET) è stata utilizzata in pazienti con patologie tubariche, per poi trovare anche altre indicazioni. Ovviamente un requisito essenziale alla penetrazione della zona pellucida ovocitaria da parte dello spermatozoo è avere a disposizione un campione di liquido seminale con una buona qualità spermatica.

La Fecondazione In Vitro Embryo Transfer (FIVET) viene eseguita mettendo a contatto gli ovociti, recuperati mediante pick up, con 100mila -300mila spermatozoi mobili, selezionati dopo trattamento del liquido seminale. I fattori che condizionano le probabilità di successo sono gli stessi della ICSI. Anche in questo caso, grande importanza va data all’età della paziente, con notevolissime differenze per un’età inferiore ai 35 anni, in cui il tasso di gravidanza è superiore al 35%, rispetto alle ultraquarantenni, nelle quali non si supera il 5-10 %.

Dott. Maurizio Cignitti

Articoli correlati
Procreazione

Il transfer embrionario in PMA e i sanguinamenti uterini

Procreazione

La stimolazione ormonale nella donna

Procreazione

Impianto dell’embrione in PMA: il punto di vista del biologo

Ricerca all’interno del sito