FIV-ET (Fecondazione in vitro)

Qual è la procedura? Quali sono le diverse fasi della tecnica?

Ricordo che la terapia di stimolazione ormonale e il recupero degli ovociti sono passaggi comuni alle due tecniche FIVET e ICSI. Ciò che le distingue è la fase conclusiva, cioè la procedura di inseminazione.

Nella FIVET classica i complessi “cumulo – ovocita” (ovocita circondato da cellule follicolari), recuperati con il pick-up, vengono messi in coltura con gli spermatozoi del partner, opportunamente selezionati.
A circa 18 ore dall’inseminazione (in entrambe le tecniche) è compito del biologo verificare al microscopio quanti ovociti si siano regolarmente fertilizzati. La coltura cellulare, e quindi lo sviluppo in vitro degli embrioni verranno monitorati in momenti ben precisi, fino al momento del loro trasferimento in utero.
In genere il transfer viene eseguito dopo 72h di coltura cellulare allo stadio di 6/8 cellule oppure allo stadio di blastocisti, che si raggiunge dopo circa 120h di coltura.

Dott.ssa Marilena Vento 

Articoli correlati
Tecniche di PMA

Fecondazione assistita: il ruolo dell’endometrio

Tecniche di PMA

Quando effettuare la PGT-A?

Tecniche di PMA

La diagnosi preimpianto

Ricerca all’interno del sito