I costi della diagnosi preimpianto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Le coppie che sono portatrici di malattie genetiche rare (fibrosi cistica, esostosi multipla..) e che possono trasmetterle  al nascituro, possono ora ricorrere alla fecondazione assistita e chiedere di svolgere la diagnosi preimpianto degli embrioni, al fine di valutare quali presentano il gene della malattia ereditaria e di inserire nell’utero materno quello che invece risulta sano.

Il problema oggi è rappresentato dal costo della diagnosi preimpianto (circa 10.000 euro a tentativo) che rende non fruibile questo servizio –riconosciuto dalla Corte Costituzionale come diritto legittimo a procreare un figlio sano – e sancito anche dalla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo.

Il servizio di diagnosi preimpianto inoltre è operativo soltanto in pochi centri privati: la struttura pubblica inspiegabilmente non risulta ancora “pronta” per garantire l’erogazione del servizio nonostante sia dotata di attrezzature, macchine e personale formato e specializzato.
Riportiamo il link alla video intervista a Davide, un uomo affetto da esostosi multipla che racconta la sua esperienza.

Articoli correlati
Tecniche di PMA

La Procreazione Medicalmente Assistita Eterologa

Tecniche di PMA

Il cammino della PMA, passo dopo passo

Tecniche di PMA

Preservare la fertilità: oncofertility e social freezing

Ricerca all’interno del sito