Progetto Iside – fecondazione assistita
Sei un medico? ACCEDI REGISTRATI
Fertilità femminile, gravidanza e sport sono strettamente legati tra loro.

I periodi in cui si cerca il concepimento e si porta avanti una gestazione sono tra i più delicati nella vita di una donna e, contrariamente a quanto si possa pensare, rappresentano un’occasione preziosa per continuare o cominciare a prendersi maggiore cura di sé praticando attività fisica.

Il movimento infatti migliora la salute generale e quella riproduttiva, quindi è molto importante per chi cerca una famiglia. I vantaggi sono molteplici. Innanzitutto, aumenta il dispendio energetico essenziale ai fini del controllo del peso corporeo, e sono ben noti gli effetti dell’obesità sulla fertilità. Inoltre, riduce la frequenza di malattie croniche come quelle cardiovascolari, il diabete e l’ipertensione arteriosa. Non serve ricordare quanto sia importante una corretta vascolarizzazione per migliorare la funzionalità dell’apparato riproduttivo, di come il diabete possa interferire con la fertilità e come l’ipertensione rappresenti un rischio, in generale, e per la gestazione in particolare.

L’attività fisica migliora la mineralizzazione ossea, che contribuisce alla prevenzione di osteoporosi, una protezione in più in vista di gravidanza e allattamento.

Non ultimo, migliora la salute mentale, riduce stress e ansia, migliora la qualità del sonno e dell’autostima, tutti fattori importanti in una donna che sta percorrendo il cammino della PMA, notoriamente complesso dal punto di vista emotivo.

Anche lo sport in gravidanza presenta molteplici vantaggi sia per la madre che per il nascituro. Agisce infatti favorendo una buona circolazione con effetti benefici sul feto e riducendo il rischio di condizioni come il diabete gestazionale, la pre-eclampsia, la nascita pretermine, le varici venose e la trombosi delle vene profonde.

Inoltre, aiuta a tenere sotto controllo il peso corporeo, un problema molto sentito dalle gestanti, consapevoli dei pericoli dell’aumento ponderale eccessivo. Infine, contribuisce a gestire meglio l’impatto psicologico di un periodo così complesso, concorrendo a ridurre stanchezza, ansia e stress e ad aumentare il buon umore.

 

I consigli

Per poter usufruire di questi e altri vantaggi per la salute, è sufficiente un po’ di forza di volontà. Sforzi eccessivi possono essere controproducenti, se non controindicati, ma un allenamento regolare consente di raggiungere i vantaggi citati.

Non tutti gli sport vanno bene, sia in previsione del concepimento, anche con la PMA, sia durante la gravidanza: da evitare la pesistica della palestra, l’aerobica ad alto impatto, lo spinning, il tennis, la pallavolo e tutte quelle attività che comportano affaticamento, saltelli, rischi di urti. Vanno benissimo la ginnastica dolce, lo yoga, il pilates, gli esercizi moderati in acqua e, ovviamente, le passeggiate.

Un consiglio, solo all’apparenza scontato, è quello di scendere un po’ prima dai mezzi o di parcheggiare l’auto più lontano del solito: camminare è estremamente naturale e salutare per il corpo.

Nel complesso, raccomanda il Ministero della Salute, le future mamme dovrebbero praticare almeno 150 minuti di attività fisica a intensità moderata ogni settimana (o 30 minuti per 5 giorni), cominciando gradualmente.

Articoli Correlati