Progetto Iside – fecondazione assistita
Sei un medico? ACCEDI REGISTRATI

L’Isteroscopia consiste in un’indagine endoscopica minimamente invasiva nella quale si introduce un’ottica collegata a una telecamera che passa all’interno della vagina senza l’utilizzo dello speculum (vaginoscopia), attraverso il canale cervicale, e che permette infine di visualizzare la cavità uterina.  Soprattutto nelle pazienti che hanno il sospetto di una patologia all’ecografia: polipi, fibromi, malformazioni uterine oppure patologie nascoste (non visibili dall’ecografia transvaginale) come l’endometrite cronica o le aderenze uterine.

Questo esame può essere di grande importanza come indagine preliminare prima di un ciclo di procreazione medicalmente assistita; sia per la diagnosi che per l’eventuale correzione di suddette patologie. L’isterescopia è particolarmente utile soprattutto dopo uno o più fallimenti di impianto, oppure in caso di più aborti.

 

I vantaggi dell’isterescopia

L’isteroscopia diagnostica permette:

  • Importante metodo di screening delle copie infertili
  • Scarsa invasività e sicurezza della procedura
  • Visione diretta della cavità uterina
  • Risoluzione di patologie interne alle cavità, come quella uterina
  • Migliorare l’outcome riproduttivo
  • Possibilità di eseguirla in tempi brevi e a costi accessibili

 

La procedura è ben tollerata

Per quanto riguarda il dolore o fastidio delle pazienti, l’isteroscopia è una procedura diagnostica semplice, di breve durata e tollerata bene dalla maggioranza delle pazienti. Il metodo “See and Treat” permette, in mani esperte, di eseguire sia la diagnosi che la risoluzione nello stesso atto diagnostico/chirurgico. Sebbene, un centro di procreazione medicalmente assistita, dovrebbe avere a disposizione il personale adeguato pronto a intervenire nel caso di dolore o reazioni vagali delle pazienti. Cresce comunque il concetto che la paziente deve poter eseguire la procedura senza sentire male o avere importanti reazioni fisiche.

 

Conclusioni

L’isteroscopia diagnostica è una tecnica minimamente invasiva, può essere eseguita ambulatorialmente senza anestesia, così che i vantaggi della diagnosi e trattamenti superino ampiamente i costi della procedura. È un utile strumento di appoggio per la corretta diagnosi e per la correzione di patologie uterine soprattutto nelle pazienti infertili e che necessitano delle tecniche di procreazione medicalmente assistita, con l’intento di migliorare l’outcome riproduttivo e la qualità di vita delle nostre pazienti.

 

 

Dott.ssa Cristiana Allodi Quartim Barbosa

Medico ginecologo del centro Procreazione assistita Demetra – Firenze

Articoli Correlati