Tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita: i dati di successo italiani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

In generale si assiste in Italia a un aumento nel numero di pazienti/coppie che accedono a tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita, con netto avvicinamento alle medie europee (i cicli per milione di abitanti sono 1.078 in Italia, rispetto ai 1.221 del dato europeo, come risulta dai dati ESHRE, European Society of Human Reproduction).

Il numero di successi è invece lievemente inferiore: questo dato è strettamente correlato all’età delle coppie.

Dai dati del Registro Nazionale della PMA dell’Istituto Superiore di Sanità emerge che, nel 2012, l’età media delle donne che hanno avuto accesso alle tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita era pari a 36,5 anni, superiore al dato europeo, attestato attorno a 34,7 anni. In Italia circa il 30 % dei cicli a fresco è effettuato da pazienti di 40 anni o più: questo porta fatalmente a un diminuito tasso di gravidanza e ad aumento del tasso di patologia abortiva. Per tutti questi motivi è fondamentale sensibilizzare le coppie alle tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita, onde evitare che si procrastini oltre misura il primo approccio diagnostico-terapeutico alla sterilità di coppia.

Dott. Maurizio Cignitti

Articoli correlati
Procreazione

La stimolazione ormonale nella donna

Procreazione

Impianto dell’embrione in PMA: il punto di vista del biologo

Procreazione

PMA: il ruolo del biologo clinico

Ricerca all’interno del sito