Progetto Iside – fecondazione assistita
Sei un medico? ACCEDI REGISTRATI

Anche per l’uomo le cause di infertilità possono essere tante. La più frequente è il cosiddetto varicocele, cioè quella situazione in cui esiste una dilatazione varicosa a carico delle vene dello scroto, cioè quel sacco cutaneo che contiene i testicoli. Il varicocele provoca un reflusso di sangue ed un aumento della temperatura a carico del testicolo e questo è sufficiente per alterare nei testicoli la produzione degli spermatozoi. Si pensi che basta un aumento anche di un solo grado per ridurre la loro produzione. Alquanto frequente è anche quella situazione in cui uno o entrambi i testicoli non discendono o scendono solo parzialmente nello scroto. Questa condizione viene detta criptorchidismo e interferisce sulla produzione degli spermatozoi. Le infezioni cronicizzate a carico dei dotti deferenti, cioè di quei piccoli canali che collegano la parte superiore del testicolo (detta epididimo) e che funziona da serbatoio di spermatozoi, con l’uretra, cioè il canale che collega la vescica al pene e attraverso il quale fuoriesce il liquido spermatico.

sofia_img_12

Le infezioni cronicizzate provocano irregolarità ed anche blocchi lungo questi piccoli canali impedendo agli spermatozoi di progredire verso l’uretra. In alcuni casi ci possono essere deficit di ormoni che impediscono agli spermatozoi di essere prodotti e di crescere mentre in altri possono essere presenti anomalie a carico del patrimonio genetico (il DNA, i cromosomi) che impediscono parzialmente (si dice oligospermia) o anche del tutto la produzione di spermatozoi (si dice azospermia). Infine ci possono essere condizioni in cui l’uomo produce da solo degli anticorpi contro i propri spermatozoi che li inattivano, impedendone la specifica funzione procreativa. È importante che ti dica che l’infertilità maschile può dipendere, come per la donna, dall’età e da cattive abitudini (fumo, malnutrizione, abuso di alcoolici, uso di droghe, di steroidi anabolizzanti) ma anche da praticare sport eccessivamente intensi e dall’abitudine di indossare biancheria intima troppo stretta. Alcune attività lavorative possono interferire con la fertilità quando espongano la persona a tossine come pesticidi, piombo, vernici, radiazione, sostanze radioattive, mercurio, benzene, boro e metalli pesanti. Infine, anche lo stress eccessivo può ridurre la fertilità nell’uomo.

Articolo realizzato con il contributo scientifico della Dott.ssa Paola Persico – Medico chirurgo specialista in Ostetricia e Ginecologia.

Centro Preferenze Privacy

GDPR

Cookie collegati al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questi cookies tengono traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allow_cookies],gdpr[consent_typ]

GOOGLE

Google.
Sono cookies necessari per conoscere le statistiche di accesso al sito e gestire la promozione commerciale sulla rete di ricerca e banner di google.

_ga: cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata se non cancellato manualmente: 26 mesi

_gid: cookie che consente di distinguere gli utenti
Durata se non cancellato manualmente: 24 ore

_gat: cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito. Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

_ga,_gid,_gat

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?