Tag: gravidanza

La possibilità di accesso alla vaccinazione contro Covid-19 per le donne in gravidanza e allattamento è stata sin dall’inizio della campagna vaccinale oggetto di discussione da parte delle società scientifiche nazionali e internazionali.

A causa della mancanza di dati di efficacia e sicurezza in questa popolazione, la vaccinazione è stata inizialmente sconsigliata alle donne in gravidanza, seppur non controindicata. Nel tempo, un numero crescente di donne in gravidanza si è sottoposto al vaccino o perché impegnate in ambito sanitario o perché appartenenti a categorie di pazienti considerati ad alto rischio.

Ad oggi i dati raccolti sono numerosi e rassicuranti: non vi sono evidenze di effetti avversi o complicanze né per le donne né per il feto. Per questo motivo e considerando gli effetti negativi della malattia Covid-19 sulla madre e sul feto, le società scientifiche Americane prima e quelle Italiane poi hanno scelto di raccomandare la vaccinazione alle donne in gravidanza e allattamento. (1)

La Circolare del Ministero della Salute

La Circolare del 24 Settembre 2021 del Ministero della Salute riporta: “Si raccomanda la vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19, con vaccini a mRNA, alle donne in gravidanza nel secondo e terzo trimestre. Relativamente al primo trimestre, la vaccinazione può essere presa in considerazione dopo valutazione dei potenziali benefici e dei potenziali rischi con la figura professionale sanitaria di riferimento. La vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19 è altresì raccomandata per le donne che allattano, senza necessità di sospendere l’allattamento”. (2)

La vaccinazione è raccomandata in modo particolare nelle donne che presentano fattori di rischio associati a maggiore possibilità di sviluppare forme gravi di Covid-19. Ne sono un esempio l’età superiore ai 30 anni, l’obesità, il diabete e altre comorbidità. (2)

Nonostante le raccomandazioni, il tema della vaccinazione in gravidanza rimane delicato. Infatti, sono ancora molti i dubbi e le preoccupazioni delle neo e future mamme. Ce ne parla il Prof. Mauro Schimberni, Specialista in Ginecologia ed Ostetricia e Medicina della Riproduzione, fondatore e direttore clinico di BioRoma.

 

Quali sono i rischi dell’infezione da Covid-19 in gravidanza? Perché è importante vaccinarsi?

 

 

Quali sono le maggiori preoccupazioni delle donne in gravidanza o in cerca di una gravidanza in merito alla vaccinazione anti Covid-19?

 

 

 

In quale periodo della gravidanza è indicato sottoporsi alla vaccinazione anti Covid-19?

 

 

 

 

 

 

Fonti:

  1. Istituto Superiore di Sanità – EpiCentro. Vaccinazione contro il COVID-19 in gravidanza e allattamento. Disponibile al link: https://www.epicentro.iss.it/vaccini/covid-19-target-gravidanza-allattamento
  2. Ministero della Salute. Circolare del 24/09/2021 Indicazioni ad interim su “Vaccinazione contro il COVID-19 in gravidanza e allattamento”. Disponibile al link: https://www.trovanorme.salute.gov.it/norme/renderNormsanPdf?anno=2021&codLeg=82930&parte=1%20&serie=null

Aumentano i casi di diabete in gravidanza: è quanto emerge da una ricerca presentata dai ricercatori della SID – Società Italiana di Diabetologia al 56mo congresso della EASD, Associazione Europea per lo Studio del Diabete. Sembra, infatti, che le donne che presentano diabete gestazionale (GDM) in gravidanza siano sempre più numerose. La conseguenza è strettamente connessa all’aumento dell’obesità, anche in età riproduttiva, e alla prevalenza del diabete tipo 2.

La ricerca

I ricercatori hanno studiato una casistica di oltre 600 pazienti con diabete gestazionale. Nella ricerca, hanno considerato questi parametri: le caratteristiche metaboliche delle madri, gli esiti materno-neonatali e la salute delle donne dopo il parto. La ricerca si è svolta presso l’Azienda Ospedaliera di Perugia e ha considerato donne trattate nel triennio 2013-2015, rispetto a quelle gestite nel periodo 2016-2018. Intervistata da Repubblica, la dottoressa Sara Parrettini, della Struttura Complessa di Endocrinologia e Malattie Metaboliche, Azienda Ospedaliera di Perugia, ha commentato: “Ma le caratteristiche metaboliche delle gestanti – afferma – negli ultimi anni si stanno modificando. Aumentano le donne con insulino-resistenza e i risultati della curva da carico glucidico sono diversi da quelli delle donne che sviluppavano diabete in gravidanza fino a qualche anno fa”.

La gestione personalizzata della gravidanza

Nella stesa intervista, la dottoressa Parrettini ha concluso: “Le caratteristiche metaboliche delle donne in gravidanza devono essere considerate sin dall’inizio della cura della paziente. E’ necessario gestire in maniera personalizzata la gravidanza complicata dal GDM”. L’obiettivo di questo approccio è raggiungere “esiti neonatali sovrapponibili a quelli di una gravidanza fisiologica”. Inoltre, consentirebbe di “predisporre strategie di protezione per la salute futura, mirate a ridurre il rischio di progressione verso qualsiasi forma di iperglicemia post-gravidanza”.

Anche la dottoressa Elisabetta Torlone, responsabile Servizio di Diabete e Nutrizione in Gravidanza della stessa struttura ospedaliera ha commentato i risultati. “La gravidanza rappresenta un momento fondamentale nella vita di una donna.  La diagnosi di diabete gestazionale pone un grave problema di salute globale a causa delle relative complicanze micro e macro-vascolari, del successivo diabete di tipo 2 e dell’impatto sulla salute futura delle giovani generazioni. La nostra casistica suggerisce di porre attenzione alle modifiche dell’OGTT sia in gravidanza che nel follow up post parto, per definire delle strategie sempre più specifiche per la prevenzione del diabete di tipo 2 e delle patologie metaboliche”.

Il commento della SID

Il Presidente eletto della SID Agostino Consoli ha commentato i risultati della ricerca. “Il diabete gestazionale è in aumento e diventa un problema sempre più importante anche perché maggiormente prevalente in etnie che sono sempre più rappresentate nel nostro Paese grazie all’aumento dell’immigrazione e perché più prevalente in donne che giungono alla gestazione in età meno giovane, come sempre più accade nelle società occidentali. Per fortuna in molti dei nostri Servizi di Diabetologia esistono ambulatori dedicati a questa condizione, che si avvalgono della collaborazione di diabetologi, ginecologi e neonatologi.”
Da anni è in atto una stretta collaborazione tra SID ed AMD. Le due Società Scientifiche hanno costituito, insieme, un gruppo di studio dedicato alle problematiche del diabete gestazionale. Questa collaborazione ha prodotto e continua a produrre lavori scientifici molto rilevanti di livello internazionale.

Fonte: Repubblica.it

Malattie autoimmuni e maternità: prende il via il 1° settembre #anchiomammaTALK, un ciclo di 8 incontri online con medici specialisti e rappresentanti dei pazienti. L’appuntamento è sul profilo Facebook di #anchiomamma

Un programma ricco di approfondimenti

Gli argomenti da approfondire sono molti: l’impatto delle patologie sulla fertilità, il counseling, la gestione della terapia in gravidanza, la sessualità, la procreazione medicalmente assistita. Gli incontri daranno voce alle pazienti e ad autorevoli esperti su ciò che è importante sapere per chi ha una malattia autoimmune e desidera un figlio. Inoltre, si farà il punto sulla medicina di genere nelle malattie autoimmuni e su come la telemedicina può essere di supporto a chi convive con le patologie croniche autoimmuni, reumatologiche e dermatologiche.

Il programma completo è disponibile sul sito www.anchiomamma.it, alla pagina “La Parola agli Esperti“.

Malattie autoimmuni e gravidanza

Le malattie autoimmuni colpiscono frequentemente le donne in età fertile, quando si fanno progetti per il futuro. Talvolta influenzano negativamente il desiderio di creare una propria famiglia fino a condizionare la vita di coppia. Le pazienti temono che l’andamento ciclico della patologia o la terapia farmacologica possano danneggiare il nascituro, che il figlio possa “ereditare” la patologia, che la gravidanza possa interrompere una fase di remissione duratura e che lo stato di salute non permetta di accudire il bambino e di accompagnarlo nella crescita.

Fino a non molto tempo fa, la gravidanza era fortemente sconsigliata. Oggi, invece, diventare mamma con una malattia autoimmune reumatologica o dermatologica è un sogno realizzabile. I medici dispongono di opzioni terapeutiche con un alto profilo di sicurezza ed efficacia, che possono essere usate in gravidanza senza rischi per il feto. Sotto la guida degli specialisti, quindi, è possibile programmare una gravidanza, gestendo la malattia autoimmune.

Il progetto #anchiomamma

#anchiomamma è un progetto di informazione nato per sostenere le donne che vivono con una malattia autoimmune, reumatologica o dermatologica, che desiderano diventare mamma. L’obiettivo è informare in modo corretto, chiaro e completo le donne che si ammalano in età fertile, affinché nessuna rinunci al proprio sogno di diventare mamma.

È promosso dalle associazioni di pazienti ANMAR (Associazione Nazionale Malati Reumatici Onlus), APIAFCO (Associazione Psoriasici Italiani Amici della Fondazione Corazza) e APMARR (Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare), con il supporto non condizionato di UCB Pharma S.p.A. e di IBSA Farmaceutici Italia S.r.l.

Un board scientifico composto da medici specialisti (reumatologi, dermatologi, ginecologi) garantisce la correttezza dei contenuti.

Il progetto #anchiomamma è coordinato da Media For Health.

 

Alcol e gravidanza sono nemici. Almeno sei mesi senza alcol prima del concepimento per gli uomini e un anno per le donne: è quanto consigliano agli aspiranti genitori gli studiosi di una ricerca pubblicata sulla European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della Società Europea di Cardiologia (ESC). L’obiettivo è la protezione da difetti cardiaci congeniti.

Questa nuova ricerca ha analizzato ben 55 studi, che raccoglievano i dati di quasi 42mila bambini con cardiopatia congenita e di quasi 300mila senza.

Rispetto agli astemi, i futuri genitori che bevono alcolici nei tre mesi prima della gravidanza (e durante il primo trimestre per le madri) vedono il rischio di malattie cardiache congenite aumentato del 44% nei padri e del 16% per le madri. Tale rischio sale al 52% negli uomini nel caso di binge drinking, cioè del consumo di almeno 5 drink in una sola “serata”.

Il binge drinking dunque, in chi desidera diventare genitore, è un comportamento ad alto rischio e pericoloso per la sua salute, oltre che per quella del nascituro, che corre un maggior rischio di nascere con un difetto cardiaco.

 

Le conseguenze del consumo di alcol sul nascituro

L’alcol in gravidanza rappresenta un noto teratogeno. Il suo consumo in gravidanza, e i correlati difetti alla nascita, sono ritenuti uno dei maggiori problemi di sanità pubblica nella maggior parte dei Paesi del mondo. Questa sostanza, si legge su Epicentro, il portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica, è un fattore di rischio di successivi problemi mentali del nascituro, anche a dosi inferiori a un bicchiere alla settimana. Il consumo moderato (1-2 bicchieri al giorno), può portare a disturbi dell’attenzione e del comportamento nell’infanzia. Ad alte dosi ripetitive vi è la probabilità del 6-10% che il feto sviluppi la sindrome feto-alcolica. Il disturbo fetale dello spettro alcolico (FASD) comprende una serie di manifestazioni cliniche che possono comparire in persone che sono state esposte all’alcol durante la gestazione della madre.

Circa un bambino su quattro con FASD ha una cardiopatia congenita, indicando che anche l’alcol potrebbe essere coinvolto in questi disturbi. In particolare, rispetto a quanto avviene per gli astemi, il consumo materno di alcol è correlato a un rischio maggiore del 20% di una combinazione di quattro anomalie nella struttura del cuore, chiamata tetralogia di Fallot.

Va sottolineato che le malattie cardiache congenite sono tra i difetti di nascita più comuni. Queste condizioni sono la principale causa di morte perinatale. Inoltre, possono aumentare la probabilità di malattie cardiovascolari pure in età avanzata, anche dopo un trattamento chirurgico.

 

I consigli pratici

Le coppie che stanno provando ad avere un bambino dovrebbero limitare fortemente l’alcol.

In particolare, gli uomini non dovrebbero consumarlo per almeno sei mesi prima del concepimento, mentre le donne dovrebbero smettere di bere un anno prima ed evitarlo durante la gravidanza. Inoltre, i ricercatori hanno osservato un graduale aumento del rischio di malattie cardiache congenite con l’aumento del consumo di alcol da parte dei genitori.

I disordini alimentari possono determinare ostacoli anche significativi per le donne che desiderano un bambino pertanto lo specialista in PMA deve esserne informato. È infatti importante tenerne conto nel trattamento della fertilità e quindi nella procreazione medicalmente assistita. Si stima che i disordini alimentari colpiscano circa il 6% della popolazione femminile adulta, in particolare il 5%-7,5% delle donne in gravidanza e fino al 21% delle pazienti con forme di disturbi ovulatori.

 

Cosa sono i disordini alimentari?

I disordini alimentari comprendono gravi malattie mentali legate a problemi di peso e percezione del proprio corpo, comportamenti alimentari problematici e atteggiamenti scorretti di controllo del peso che si verificano nelle donne in età fertile.

Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), delinea tre categorie primarie di disordini alimentari: anoressia nervosa (AN), bulimia nervosa (BN) e binge eating disorder.

La prima si manifesta con il rifiuto del cibo, la seconda è caratterizzato da abbuffate frequenti seguite da episodi di vomito autoindotto, la terza è un disturbo da alimentazione incontrollata caratterizzato da ingestione compulsiva, senza pratiche di eliminazione. Le prime due soprattutto possono avere ripercussioni sulla donna che desidera diventare madre

 

Disordini alimentari: come possono influire sulla fertilità e la gravidanza?

Sia l’anoressia nervosa che la bulimia nervosa hanno implicazioni fisiche e neuroendocrine varie e complesse e possono coinvolgere, danneggiandoli, il sistema cardiovascolare, gastrointestinale, ematologico, dermatologico e scheletrico, ma anche il sistema endocrino e i processi metabolici rilevanti per la fertilità. In particolare, la funzione riproduttiva femminile sana è direttamente correlata a un range ottimale del peso corporeo della donna e alla disponibilità di energia, entrambi fattori influenzati da disordini alimentari.

Anche dal punto di vista della procreazione medicalmente assistita, o PMA, possono esserci problemi.

L’induzione dell’ovulazione nelle donne che hanno un problema di fertilità secondario a un disturbo alimentare pare aumentare il rischio di gravidanze multiple, criticità che si aggiunge a un maggiore rischio di complicazioni in gravidanza e neonatali. Se l’alimentazione non si normalizza durante la gestazione, infatti, si possono verificare anche difficoltà post-natali, come:

  • difficoltà nell’allattamento al seno,
  • minore crescita infantile,
  • temperamento infantile instabile,
  • preoccupazioni con l’alimentazione del bambino,
  • disturbi dell’umore materno.

Le donne con anoressia nervosa o bulimia nervosa sono anche a maggiore rischio di problemi materno-fetali, come:

  • l’inadeguato aumento di peso gestazionale in gravidanza,
  • l’aumento dei tassi di aborto spontaneo
  • il parto di neonati piccoli per l’età gestazionale.

È quindi estremamente importante che lo specialista della fertilità sia a conoscenza dei disordini alimentari.

 

Disordini alimentari: perché non vengono riconosciuti?

I disordini alimentari spesso non vengono rilevati: sono infatti in genere occultati da chi ne soffre, eppure i campanelli di allarme ci sono. Una particolare attenzione, oltre che i medici, dovrebbero prestarla i familiari, a stretto contatto con le donne.

Le barriere all’individuazione dei disordini alimentari sono molteplici, ma a incidere maggiormente sono quattro:

  1. barriera sociale: spesso si ritiene normale che le donne siano scontente del loro peso corporeo e delle loro forme fisiche. Ecco perché è più difficile che ci si insospettisca se loro manifestano comportamenti di controllo del peso
  2. in genere i pazienti con un disturbo alimentare tendono a non rivelarlo, a minimizzarne i sintomi, o addirittura a impegnarsi attivamente nel nascondere il loro disturbo
  3. a volte viene sottovalutato l’impatto clinico di queste malattie, considerandole più legate a problemi della personalità
  4. poche conoscenze sui campanelli di allarme fisici e psicologici legati ai disordini alimentari.

Purtroppo, però, le conseguenze di diagnosi ritardate o addirittura mancate, quando si parla di disordini alimentari, possono essere anche importanti. Quindi il consiglio è di non sottovalutare mai il sospetto che questi problemi ci siano.